Wedding - Matrimonio Sara & Francesco - Le damigelle d'onore

(Foto Vincenzo Capone – per le Iridi Digitali)

L’utilizzo delle damigelle deriva dalla cultura anglosassone dell’800. Con il passare del tempo sta diventando un’usanza molto frequente anche in Italia; di sicuro il ricorso alle damigelle dà un tocco di vivacità e di allegria all’intero evento.

Le damigelle nella storia

Questa figura trae, comunque, origine nell’antico Egitto. A quei tempi si pensava che le damigelle, vestendosi come la sposa, confondessero tutti gli spiriti maligni, impedendo loro di riconoscerla e farle del male.

Anche nella società romana si era soliti utilizzare le damigelle per un motivo analogo; in questo caso venivano scelte dieci persone vestite come la sposa per confondere gli spiriti malvagi intenzionati a rapirla.

Nei tempi moderni il ruolo delle damigelle è diventato tutt’altro, è una figura che viene utilizzata non solo per fini scenografici, ma ha un significato assolutamente differente. A loro spetta il compito di affiancare la sposa durante tutto il percorso del matrimonio, dai consigli sulla scelta dei fornitori a quelli sull’acconciatura e sul make-up, dalla scelta dell’abito al coordinamento dell’intero evento nella giornata clou.

Per tale motivo il rapporto tra la sposa e le damigelle deve essere molto forte, basato sulla fiducia reciproca e su una profonda conoscenza personale.

Tipologie di damigelle

Facendo sempre riferimento alla tradizione d’oltreoceano, esistono quattro tipologie di damigelle o paggetti.

Le Flowergirl

Sono bambine di età tra i 3 ed i 6 anni ed hanno il compito di spargere petali di fiori al passaggio della sposa.

I Ring Bearer

Sono bambini della stessa età ai quali spetta il compito di portare all’altare il cuscino sul quale sono poggiate le fedi nuziali.

Le Braidesmaids

Sono le vere e proprie damigelle d’onore. Solitamente sono le amiche fidate della sposa ed hanno il compito di supportare la sposa nell’intera organizzazione del matrimonio ed accompagnarla nel suo giorno più importante.

 

Tralasciando i bambini, concentriamo l’attenzione sulle Braidesmaids, ovvero le damigelle d’onore, e sui loro compiti.

Cosa c’è da sapere sulle damigelle d’onore

Le damigelle solitamente sono in numero pari, da un minimo di 4 ad un massimo di 8, in modo da aprire il corteo nuziale in coppia. Qualora dovessero essere in numero dispari, allora una di loro dovrà necessariamente aprire il corteo da sola, oppure dovranno muoversi non a coppia ma in fila indiana.

E’ opportuno indossare un abito, con volumi non eccessivi, corto sopra o sotto il ginocchio per le cerimonie che si svolgono di mattina, mentre per quelle pomeridiane o serali è preferibile uno lungo. L’importante è che non sia bianco, colore destinato esclusivamente alla sposa. Sono consigliabili le sfumature dei colori pastello che si abbinano perfettamente al bianco dell’abito da sposa, a seconda della stagione delle nozze. E’ possibile indossare qualche dettaglio che richiami lo stile della sposa.

La loro presenza dovrà esserci sempre, tuttavia dovranno essere delle figure moderate, discrete e delicate; non dovranno mai oscurare la sposa.

Le funzioni delle damigelle d’onore

Essendo state scelte tra le amiche del cuore della sposa, nessuna meglio di loro è in grado di consigliarla nella scelta dell’abito, degli allestimenti floreali, nell’acconciatura, ed in generale in tutto ciò che riguarda l’organizzazione del matrimonio.

Spetterà a loro anche organizzare l’addio al nubilato.

La loro funzione è, quindi, di supportare, ed a volte anche di “sopportare” nei momenti no, la sposa.

Nel giorno della celebrazione del matrimonio accompagnano la sposa all’altare, nel senso che anticipano agli invitati il suo arrivo. Di solito precedono l’entrata della sposa, in modo da annunciare ai presenti l’arrivo della protagonista principale della giornata.

Hanno il compito, inoltre, di coordinare tutto l’evento, aiutando gli invitati a prendere posto, ed organizzare il lancio del riso subito dopo il sì.

Più in generale saranno sempre le persone di riferimento della sposa per ogni evenienza in quella giornata.

 

In conclusione l’usanza delle damigelle d’onore, proveniente da oltreoceano, sta prendendo sempre più piede anche in Italia e conferisce all’evento una caratterizzazione particolare.

Dà un tocco di magia e scenografia che in questi casi non guasta mai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment